Bando Cratere Aquilano: Finanziamento a fondo perduto per la valorizzazione del patrimonio

70% di Finanziamento a Fondo Perduto per la valorizzazione del patrimonio naturale/storico/culturale e per la valorizzazione l’attrattività turistica.

BANDO CRATERE SISMICO AQUILANO: dal 5 Febbraio 2019 potranno essere inviate le domande per attività d’impresa che hanno l’obiettivo di valorizzare il patrimonio naturale, storico e culturale e valorizzare l’attrattività e l’offerta turistica.

BENEFICIARI PMI regolarmente costituite ed iscritte nel Registro delle imprese, nella forma di: ditta individuale, società di persone, società di capitali, cooperative, società consortili e consorzi di imprese con attività esterna.
Possono essere ammesse alle agevolazioni le persone fisiche che intendono costituire una nuova impresa purché l’impresa sia formalmente costituita, dalle stesse persone fisiche indicate in domanda, entro trenta giorni dalla comunicazione della determinazione di ammissione alle agevolazioni.

PROGRAMMI AMMISSIBILI: programmi d’investimento finalizzati alla creazione di nuove imprese o all’ampliamento e/o riqualificazione di imprese esistenti.

IMPORTI AMMESSI: Sono ammissibili i programmi con spese complessive d’investimento comprese fra un minimo di euro 25.000,00 e un massimo di euro 1.000.000,00, localizzati nei Comuni del territorio del cratere sismico aquilano.

SETTORI AMMESSI: i programmi d’investimento possono riguardare tutti i comparti economici, fatto salvo quanto indicato per i settori della pesca e dell’acquacoltura e della produzione primaria dei prodotti agricoli.

OBIETTIVI AMMESSI: i programmi d’investimento devono essere finalizzati a uno dei seguenti obiettivi: Valorizzazione turistica del patrimonio naturale, storico e culturale; Creazione di micro-sistemi turistici integrati con accoglienza diffusa; commercializzazione dell’offerta turistica attraverso progetti e servizi innovativi.

CONTRIBUTO: Le agevolazioni sono concesse, ai sensi e nei limiti del Regolamento de minimis, nella misura del 70% delle spese ammissibili.

DOMANDE: a partire dal giorno 5 febbraio 2019. 

BENEFICIARI

Possono beneficiare delle agevolazioni i soggetti che svolgono regolarmente attività economica.

  • In particolare, la domanda può essere presentata da PMI regolarmente costituite ed iscritte nel Registro delle imprese, nella forma di: ditta individuale, società di persone, società di capitali, cooperative, società consortili e consorzi di imprese con attività esterna.

Possono essere ammesse alle agevolazioni le persone fisiche che intendono costituire una nuova impresa purché l’impresa sia formalmente costituita, dalle stesse persone fisiche indicate in domanda, entro trenta giorni dalla comunicazione della determinazione di ammissione alle agevolazioni.

REQUISITI

Alla data di presentazione della domanda di agevolazione i soggetti proponenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • a) nei casi previsti, essere regolarmente costituiti in forma societaria ed iscritti nel Registro delle imprese;
  • b) essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti civili, non essere in liquidazione volontaria e non essere sottoposti a procedure concorsuali;
  • c) non rientrare tra le imprese che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione europea;
  • d) trovarsi in regola con le disposizioni vigenti in materia di normativa edilizia ed urbanistica, del lavoro, della prevenzione degli infortuni e della salvaguardia dell’ambiente ed essere in regola con gli obblighi contributivi;
  • e) aver restituito agevolazioni godute per le quali è stato disposto dal Ministero un ordine di recupero;
  • f) non trovarsi in condizioni tali da risultare impresa in difficoltà così come individuata nel Regolamento GBER.

PROGRAMMI AMMISSIBILI

Sono ammissibili alle agevolazioni i programmi d’investimento finalizzati alla creazione di nuove imprese o all’ampliamento e/o riqualificazione di imprese esistenti.

  • Per riqualificazione di impresa esistente si intende la diversificazione produttiva e il miglioramento del livello qualitativo della produzione dei beni o servizi realizzati.

IMPORTI AMMESSI

Sono ammissibili i programmi con spese complessive d’investimento comprese fra un minimo di euro 25.000,00 e un massimo di euro 1.000.000,00, localizzati nei Comuni del territorio del cratere sismico aquilano.

SETTORI AMMESSI

I programmi d’investimento possono riguardare tutti i comparti economici, fatto salvo quanto indicato per i settori della pesca e dell’acquacoltura e della produzione primaria dei prodotti agricoli al punto 3.7, purché finalizzati a uno dei seguenti obiettivi:

  • valorizzazione turistica del patrimonio naturale, storico e culturale; creazione di micro-sistemi turistici integrati con accoglienza diffusa;
  • commercializzazione dell’offerta turistica attraverso progetti e servizi innovativi.

PROGRAMMI D’INVESTIMENTO

I programmi d’investimento devono essere:

  • a) avviati successivamente alla data di presentazione della domanda di agevolazione. A tal fine, per data di avvio si intende la data di inizio dei lavori di costruzione relativi all’investimento oppure la data del primo impegno giuridicamente vincolante ad ordinare attrezzature o di qualsiasi altro impegno che renda irreversibile l’investimento, a seconda di quale condizione si verifichi prima. L’acquisto di terreno e i lavori preparatori quali la richiesta di permessi o la realizzazione di studi di fattibilità non sono considerati come avvio, fermo restando quanto previsto in tema di ammissibilità della spesa di cui ai punti
    successivi;
  • b) ultimati entro 18 mesi dalla data di sottoscrizione da parte del soggetto beneficiario della determinazione di concessione, pena la revoca delle agevolazioni concesse. 
    A tale fine per data di ultimazione del programma si intende quella dell’ultimo titolo di spesa ammissibile rendicontato.

Resta ferma la possibilità per il Soggetto gestore di concedere una proroga non superiore a 6 mesi, sulla base di una richiesta motivata da parte del soggetto beneficiario. Il Soggetto gestore valuta la richiesta e comunica al soggetto beneficiario l’accoglimento o il diniego
della stessa.

  • Ciascuna domanda di agevolazione deve essere correlata ad un solo programma d’investimento che può prevedere più linee di attività nel rispetto del principio di funzionalità ed organicità.

Le imprese operanti nel settore della pesca e dell’acquacoltura (a) o nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli di cui all’allegato I del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (b) possono beneficiare delle agevolazioni – esclusivamente per programmi d’investimento relativi ad attività rientranti nel campo di applicazione del Regolamento de minimis – purché attraverso la tenuta di apposita contabilità separata sia garantita la separazione delle attività e/o la distinzione dei costi, per le attività esercitate nei settori di cui alle lettere (a) e (b), esclusi dal campo di applicazione del citato regolamento.
3.7. Sono fatti salvi tutti i divieti e le limitazioni stabiliti dal Regolamento de minimis.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese d’investimento e gestione funzionali alla realizzazione del progetto proposto sostenute successivamente alla data di presentazione della domanda di agevolazione e intestate al soggetto beneficiario.

Le voci d’investimento agevolabili sono le seguenti:

  • a) ristrutturazione di immobili (spese descritte e valorizzate sulla base dei tariffari regionali vigenti) entro il limite massimo del 50% del valore complessivo delle spese d’investimento ammesse. 
    Tale limite è elevato al 70% per i programmi d’investimento aventi ad oggetto lo svolgimento di attività di ricettività turistica. Le spese per opere edili sono ammesse anche su beni di terzi, con apposizione del vincolo catastale di destinazione dell’immobile allo svolgimento di attività di ricettività turistica.
  • b) attrezzature, macchinari, impianti e allacciamenti, ivi inclusi mezzi mobili purché strettamente necessari e correttamente dimensionati in base al ciclo di produzione. 
    Per il settore dei trasporti sono escluse le spese relative all’acquisto di mezzi e attrezzature di trasporto;
  • c) beni immateriali ad utilità pluriennale, limitatamente a programmi informatici, brevetti, licenze e marchi.

I BENI D’INVESTIMENTO:

  • devono essere d’importo superiore a 500,00 euro;
  • devono essere nuovi di fabbrica;
  • non devono rappresentare mera sostituzione di impianti, macchinari e attrezzature.

Non sono ammesse acquisizioni mediante il cosiddetto “contratto chiavi in mano”, né beni acquisiti con il sistema della locazione finanziaria, né mediante commesse interne.

Ai fini dell’ammissibilità della spesa farà fede la data dei documenti fiscalmente validi.

LE SPESE DI GESTIONE AGEVOLABILI SONO LE SEGUENTI:

  • a) materie prime, materiali di consumo, semilavorati e prodotti finiti, utilizzati nel ciclo produttivo svolto dall’impresa destinataria dell’aiuto nel periodo oggetto di agevolazione;
  • b) utenze e canoni di locazione per immobili strumentali destinati allo svolgimento dell’attività agevolata, siti nei Comuni del territorio del cratere sismico aquilano;
  • c) oneri finanziari connessi all’avvio dell’attività agevolata che non beneficino di alcun’altra agevolazione, ivi inclusi gli interessi delle rate di mutuo, laddove stipulato a copertura degli investimenti, limitatamente alla quota maturata nel periodo oggetto di agevolazione sul conto corrente ordinario dedicato alla realizzazione del programma;
  • d) prestazioni di servizi e consulenze professionali, connesse all’attività agevolata;
  • e) costo del lavoro dipendente che non benefici di alcun’altra agevolazione, anche indiretta o a percezione successiva, relativo all’incremento effettivo di personale dedicato all’attività agevolata e per l’attività prestata presso l’unità produttiva destinataria dell’aiuto. 
  • f) formazione specialistica dei soci e dei dipendenti del soggetto beneficiario che non benefici di alcun’altra agevolazione, anche indiretta o a percezione successiva, funzionale alla realizzazione dell’attività agevolata.
  • Tali spese devono riferirsi a una formazione che comporti insegnamenti direttamente e prevalentemente applicabili alla posizione, attuale o futura, occupata dal socio e/o dal dipendente presso il soggetto beneficiario.
    Ai fini dell’ammissibilità delle spese di gestione farà fede la data di fattura; per il costo del lavoro farà fede la data dei cedolini del periodo e, per gli oneri finanziari, la data di addebito dell’estratto conto.

CONTRIBUTO

Le agevolazioni sono concesse, ai sensi e nei limiti del Regolamento de minimis, nella misura del 70% delle spese ammissibili, considerando sia le spese ad utilità pluriennale sia quelle di gestione relative all’avvio dell’attività nei limiti indicati all’art. 7, fatto salvo quanto previsto all’art. 9, comma 8, del Decreto. Le spese:

  • Agevolabili a fondo perduto nella forma di contributo in conto impianti.
  • Sono agevolabili a fondo perduto nella forma di contributo alla spesa.
  • Di gestione sono riconosciute per un massimo del 30% sul totale delle spese ammissibili.

DOMANDE

Le domande di agevolazione relative alle iniziative localizzate nei Comuni del territorio del cratere sismico aquilano possono essere presentate, corredate dei piani d’impresa e della documentazione necessaria, al Soggetto gestore a partire dalle ore 12:00 del giorno 5 febbraio 2019.

Se anche tu non vuoi perdere questo importante finanziamento a FONDO PERDUTO CONTATTACI (scrivendo nell’oggetto Cratere Aquilano) e scopriamo insieme se questo è il bando giusto per te e come renderlo concreto.


 

Un valido supporto per concretizzare i propri progetti

5,0 rating
25 Luglio 2019

Ho sempre desiderato aprire un’attività tutta mia, ma avevo difficoltà ad accedere alle agevolazioni perchè non avevo le informazioni e le conoscenze per redigere un valido business plan, e avevo bisogno di qualcuno che mi consigliasse al meglio sulle scelte da operare per l’avvio di un’attività. In Startup Europa ho trovato l’aiuto che mi serviva per rendere concrete le mie idee, e ora posso considerarmi un’imprenditrice felice!

Serena

Affidabilità

5,0 rating
25 Luglio 2019

Sono pienamente soddisfatto per tutto il lavoro svolto da Alessandro, mi ha aiutato a realizzare la mia idea imprenditoriale, sono ancora entusiasta.

Roberto

Competenti su tutti i livello

5,0 rating
25 Marzo 2019

Competenti su tutti i livelli, perché non solo mi hanno supportato nella preparazione ed invio della domanda di finanziamento agevolato ma mi hanno fatto riflettere anche sul miglior modello di business da adottare per lo sviluppo della mia startup.

Domenico Scarinzi

Massima professionalità

5,0 rating
25 Marzo 2019

Il Team di Startup Europa mi ha offerto competenza, professionalità e disponibilità massima. Ottimo lavoro!

Giovanna Scarinzi

Competenza

5,0 rating
25 Marzo 2019

Alessandro, persona disponibile, pronto ad accontentare in modo celere il cliente ma soprattutto con le sue alte competenze nel campo.
Lo consiglio vivamente a chi vuole intraprendere una propria attività con progetti finanziati.

Gabriele