I nuovi incentivi per il sud rivolti all’innovazioni sono destinati alle imprese ubicate nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

L’intervento per il sud è finanziato dal Fondo per la crescita sostenibile con uno stanziamento di oltre 470 milioni di euro complessivi.

Nel dettaglio, sono previsti 328 milioni per la concessione di finanziamenti agevolati e 145 milioni per contributi diretti alla spesa.

OBIETTIVI

L’obiettivo dell’agevolazione è sostenere l’innovazione attraverso la sperimentazione e l’adozione di soluzioni tecnologicamente avanzate accelerando, al contempo, la ricerca collaborativa e il processo di scoperta dinamica e imprenditoriale di nuovi domini di specializzazione.

bando-tecnonidi-regione-puglia

REQUISITI INCENTIVI PER IL SUD

Sono ammesse le imprese di qualsiasi dimensione che esercitano attività industriali, agroindustriali, artigiane, di servizi all’industria e di ricerca.

progetti devono essere fra i 3 e i 20 milioni di euro, durare fra i 12 e i 36 mesi e prevedere attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale che facciano utilizzo di tecnologie abilitanti fondamentali KETs, ovvero:

  • nanotecnologia e materiali avanzati,
  • fotonica e micro/nano elettronica,
  • sistemi avanzati di produzione,
  • tecnologie delle scienze della vita,
  • intelligenza artificiale,
  • connessione e sicurezza digitale.

GLI INCENTIVI PER IL SUD

L’incentivo prevede un finanziamento agevolato fino al 50% delle spese per le grandi imprese e del 40% per le piccole e medie imprese.

C’ poi un contributo diretto, articolato sulla base della dimensione dell’impresa proponente:

  • 30% per le piccole imprese,
  • 25% per le medie imprese,
  • 15% per le grandi imprese.

SCADENZE

Le domande possono essere compilate a partire da martedì 25 giugno e inviate a partire da mercoledì 10 luglio.