Sisma 2012 contributi per rivitalizzazione dei centri storici

Sisma 2012, sono stati finanziati dalla Regione Emilia Romagna € 35.000.000 per la rivitalizzazione dei centri storici.

EMILIA ROMAGNA SISMA 2012: contributi per la riqualificazione e la rivitalizzazione dei centri storici.

FINALITA’: favorire la riqualificazione  e la rivitalizzazione delle aree dei centri storici e delle frazioni e/o di altre aree dei comuni dell’emilia-romagna più danneggiati dagli eventi sismici accaduti del maggio 2012 aumentando l’attrattivita’ e favorendo la ripopolazione.

BENEFICIARI: a) Le PMI, appartenenti a qualsiasi settore di attività economica Ateco 2007, esclusa la Sezione A Agricoltura, regolarmente costituite e iscritte nel registro delle imprese o nel REA;  b) Liberi professionisti ordinistici; c) Liberi professionisti non ordinistici; d) Associazioni, fondazioni, enti no profit.

CONTRIBUTO: a fondo perduto nella misura pari al 70% della spesa ammessa.

CONTRIBUTO MASSIMO: l’importo massimo del contributo è pari a 150.000,00 euro.

INTERVENTI AMMISSIBILI: i progetti finanziati ai sensi del bando devono prevedere interventi aventi ad oggetto l’avvio di nuove attività in immobili stanziati nelle aree dei centri storici e delle frazioni dei comuni interessati dagli eventi sismici del 2012 o la riqualificazione di attività attualmente operanti nelle aree dei centri storici.

COMUNI INTERESSATI(BO) Crevalcore, Galliera, Pieve di Cento, San Giovanni in Persiceto; (FE) Bondeno, Cento, Ferrara, Mirabello-Sant’Agostino, Poggio Renatico, Vigarano Mainarda; (MO) Bastiglia, Bomporto, Camposanto, Carpi, Cavezzo, Concordia sulla Secchia, Finale Emilia, Medolla, Mirandola, Novi di Modena, Ravarino, San Felice sul Panaro, San Possidonio, San Prospero, Soliera; (RE) Fabbrico, Guastalla, Luzzara, Reggiolo, Rolo.

DOMANDE 2° finestra dal 13 settempre al 29 novembre 2019. 3° finestra dal 15 gennaio 2020 al 29 maggio 2020.

EMILIA ROMAGNA: RIVITALIZZAZIONE DEI CENTRI STORICI

NEI COMUNI PIU’ COLPITI DAGLI EVENTI SISMICI DEL 20 29 MAGGIO 2012

  • Commi 1-bis, 1-ter e 1-quater dell’art. 11 della D.L. 74/12
  • Bando valutativo a sportello ai sensi dell’art. 5 del D. Lgs 123/1998

FINALITA’

Favorire la riqualificazione e la rivitalizzazione dei centri storici dei comuni colpiti dagli eventi sismici del 2012 sostenendo l’insediamento di nuove attività economiche/professionali e/o di associazioni, fondazioni, enti no profit, in linea con il contesto economico, culturale, sociale e architettonico dei centri stessi, oppure la rivalutazione, l’ammodernamento e l’ampliamento delle attività economiche/professionali e/o di associazioni, fondazioni, enti no profit esistenti, anche connesse a percorsi di rientro delle attività, con esclusione delle spese già oggetto di contribuzione da parte del Commissario ai sensi dell’Ordinanza 57/2012.

BENEFICIARI

  • a) Le PMI, appartenenti a qualsiasi settore di attività economica Ateco 2007, esclusa la Sezione A Agricoltura, regolarmente costituite e iscritte nel registro delle imprese o nel REA;
  • b) Liberi professionisti ordinistici
  • c) Liberi professionisti non ordinistici
  • d) Associazioni, fondazioni, enti no profit

che al momento della domanda di contributo: si impegnano a realizzare gli interventi in una delle suddette aree interessate.

  • Per i nuovi insediamenti, l’attività dovrà essere attiva al momento della presentazione della rendicontazione delle spese.

REGIME DI AIUTO

De minimis. Fondo perduto.

CONTRIBUTO

A fondo perduto nella misura pari al 70% della spesa ammessa.
Il contributo può essere incrementato del 10% nei seguenti casi:

  • qualora la nuova attività economica e/o professionale e/o no profit o l’attività economica e/o professionale e/o no profit da riqualificare è caratterizzata dalla rilevanza della presenza femminile e/o giovanile;
  • nel caso in cui i proponenti i progetti, che abbiano un fatturato annuo pari o maggiore a 2 mln di €, siano in possesso del rating di legalità.

CONTRIBUTO MASSIMO

L’importo massimo del contributo è pari a 150.000,00 euro.

RISORSE

35 milioni di euro.

COMUNI INTERESSATI

  • (BO) Crevalcore, Galliera, Pieve di Cento, San Giovanni in Persiceto;
  • (FE) Bondeno, Cento, Ferrara, Mirabello-Sant’Agostino, Poggio Renatico, Vigarano Mainarda;
  • (MO) Bastiglia, Bomporto, Camposanto, Carpi, Cavezzo, Concordia sulla Secchia, Finale Emilia, Medolla, Mirandola, Novi di Modena, Ravarino, San Felice sul Panaro, San Possidonio, San Prospero, Soliera;
  • (RE) Fabbrico, Guastalla, Luzzara, Reggiolo, Rolo

AREE INTERESSATE

Aree dei centri storici e/o frazioni individuate formalmente dai Comuni

INTERVENTI AMMISSIBILI

I progetti finanziati ai sensi del bando devono prevedere interventi aventi ad oggetto:

  • l’avvio di nuove attività in immobili localizzati nelle aree dei centri storici e delle frazioni dei comuni interessati dagli eventi sismici del 2012
  • la riqualificazione di attività attualmente operanti nelle aree dei centri storici.

DIMENSIONE MINIMA

La dimensione minima dei progetti ammessi a finanziamento è pari a 10.000 euro;

SPESE AMMISSIBILI

SONO AMMISSIBILI LE SEGUENTI SPESE:

  • spese per opere edili, murarie e impiantistiche (max. 8.000 per professionisti)
  • acquisto di arredi (max. 6.000 per professionisti)
  • acquisto di impianti, beni strumentali e di attrezzature
  • acquisto di hardware, software, servizi di cloud computing
  • spese per la realizzazione di siti internet ed e-commerce
  • spese per l’acquisto e installazione di impianti per la ricarica di mezzi elettrici
  • spese per l’acquisto di mezzi di trasporto non targati
  • spese promozionali correlate all’investimento (max 15% della somma da 1 a 7)
  • servizi di consulenza specializzata e progettazione (max 10% della somma da 1 a 8)

PRINCIPALI SPESE NON AMMISSIBILI

  • l’acquisto di immobili o di terreni
  • acquisto di beni tramite il leasing mobiliare o noleggio di lunga durata
  • l’acquisto di mezzi di trasporto iscritti in pubblici registri (mezzi targati)
  • l’acquisto di beni usati
  • le spese di personale o di formazione
  • le spese relative all’i.v.a., se recuperabile o a tasse e imposte
  • le spese per l’acquisto di beni e materiali di consumo
  • le spese generali di funzionamento e gestione corrente
  • le spese relative a controversie, ricorsi, recupero crediti
  • le spese per il pagamento di interessi debitori
  • le spese in auto-fatturazione o per lavori in economia

PERIODO DI AMMISSIBILITA’ DELLE SPESE:

  • 1° FINESTRA: dal 1° gennaio 2019 fino alla scadenza del 10° mese decorrente dal provvedimento di concessione del contributo;
  • 2° FINESTRA:dal 1° luglio 2019 fino alla scadenza del 10° mese decorrente dal provvedimento di concessione del contributo
  • 3° FINESTRA:dal 1° novembre 2019 fino alla scadenza del 10° mese decorrente dal provvedimento di concessione del contributo

RENDICONTAZIONE

La rendicontazione dovrà avvenire entro 12 mesi dalla concessione, rispettando i periodi di apertura della piattaforma informatica

DOMANDE 2° FINESTRA

Dal 13/09/19 al 29/11/19.

Se anche tu vuoi fruire del contributo a fondo perduto per i centri storici dell’Emilia Romagna, CONTATTACI per una prima consulenza gratuita (scrivendo nell’oggetto “Sisma 2012 Emilia Romagna) e scopriamo insieme se questo è il bando giusto per te e come renderlo concreto.


 

Un valido supporto per concretizzare i propri progetti

5,0 rating
25 Luglio 2019

Ho sempre desiderato aprire un’attività tutta mia, ma avevo difficoltà ad accedere alle agevolazioni perchè non avevo le informazioni e le conoscenze per redigere un valido business plan, e avevo bisogno di qualcuno che mi consigliasse al meglio sulle scelte da operare per l’avvio di un’attività. In Startup Europa ho trovato l’aiuto che mi serviva per rendere concrete le mie idee, e ora posso considerarmi un’imprenditrice felice!

Serena

Affidabilità

5,0 rating
25 Luglio 2019

Sono pienamente soddisfatto per tutto il lavoro svolto da Alessandro, mi ha aiutato a realizzare la mia idea imprenditoriale, sono ancora entusiasta.

Roberto

Competenti su tutti i livello

5,0 rating
25 Marzo 2019

Competenti su tutti i livelli, perché non solo mi hanno supportato nella preparazione ed invio della domanda di finanziamento agevolato ma mi hanno fatto riflettere anche sul miglior modello di business da adottare per lo sviluppo della mia startup.

Domenico Scarinzi

Massima professionalità

5,0 rating
25 Marzo 2019

Il Team di Startup Europa mi ha offerto competenza, professionalità e disponibilità massima. Ottimo lavoro!

Giovanna Scarinzi

Competenza

5,0 rating
25 Marzo 2019

Alessandro, persona disponibile, pronto ad accontentare in modo celere il cliente ma soprattutto con le sue alte competenze nel campo.
Lo consiglio vivamente a chi vuole intraprendere una propria attività con progetti finanziati.

Gabriele