Smart e Start Italia, un bando gestito da Invitalia, sostiene la nascita e lo sviluppo delle startup per valorizzare la ricerca scientifica e tecnologica.

Beneficiaristartup innovative costituite da non più di 60 mesi 
team di persone fisiche che vogliono costituire
una startup innovativa in Italia
imprese straniere che si impegnano a istituire
almeno una sede sul territorio italiano
Finalitàsostiene la nascita e la crescita delle startup innovative
Settori Ammessitutti
Spese Ammissibiliinvestimenti, spese di gestione, sviluppo di prodotti,
servizi o soluzioni nel campo dell’economia digitale,
dell’intelligenza artificiale, della block chain
e dell’internet of things
Data apertura bandoaperto
Data chiusura bandofino esaurimento fondi
Prima Consulenza Gratuita
Scopriamo insieme se è il finanziamento ideale per te!
Contattaci per una prima consulenza gratuita.
Ti risponderemo entro 15 minuti

    SCOPRI TUTTO SUL BANDO DEL 2024! CLICCA SU QUESTO LINK

    Smart e Start – Finanziamenti a Startup Innovative, Invitalia

    Smart e Start Italia sostiene la nascita e la crescita delle startup innovative ad alto contenuto tecnologico.

    L’agevolazione è concessa al fine di stimolare una nuova cultura imprenditoriale legata all’economia digitale, valorizzare i risultati della ricerca scientifica e tecnologica e incoraggiare il rientro dei «cervelli» dall’estero.

    Qual è la dotazione finanziaria?

    Per il bando Smart e Start Italia sono stati stanziati circa 200 milioni di euro.

    Quali sono le attività ammesse?

    Se la tua startup, o quella che intendi avviare, è attiva nella produzione di beni ed erogazione di servizi:

    • che si caratterizzano per il forte contenuto tecnologico e innovativo
    • e/o si qualificano come prodotti, servizi o soluzioni nel campo dell’economia digitale
    • e/o si basano sulla valorizzazione dei risultati della ricerca pubblica e privata (spin off da ricerca)

    allora Smart e Start potrebbe fare sicuramente al caso tuo…

    Quali spese sono ammesse al finanziamento Smart e Start?

    Le spese finanziate, che vanno da un minimo di € 100.000 ad un massimo di 1.5 milioni di euro, sono relative a spese per investimenti e costi di gestione.

    Queste sono le principali voci di spesa ammissibili:

    • per gli investimenti – impianti, macchinari e attrezzature tecnologiche, componenti hardware e software, brevetti, licenze, know-how, consulenze specialistiche e tecnologiche, marketing e web marketing;
    • per la gestione – personale dipendente e collaboratori, licenze e diritti per titoli di proprietà industriale, servizi di accelerazione, canoni di leasing, e interessi su finanziamenti esterni, spese di affitto, materie prime.

    Quale tipologia di agevolazione è prevista?

    Smart e Start Italia offre:

    • Finanziamento agevolato, un finanziamento a tasso zero, senza alcuna garanzia, a copertura dell’80% delle spese ammissibili. Questa percentuale può salire al 90% se la startup è costituita interamente da donne e/o da giovani sotto i 36 anni, oppure se tra i soci è presente un esperto col titolo di dottore di ricerca italiano (o equivalente) che lavora all’estero e vuole rientrare in Italia.
      Il  fondo perduto pari al 30% del mutuo, viene esteso anche alle startup innovative del Cratere sismico Centro Italia.
    • Servizi di tutoraggio: le sole startup innovative costituite da non più di 12 mesi possono usufruire di servizi di tutoraggio tecnico-gestionale identificati in base alle caratteristiche delle startup. Il valore dei predetti servizi è pari a 15.000 euro per le startup localizzate nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia e a 7.500 euro per le startup localizzate nel restante territorio nazionale.

    Alcune domande frequenti su Smart e Start

    1. È obbligatorio che la società sia già costituita prima di presentare la richiesta di agevolazione?

    No, questa formalità può essere completata successivamente, una volta ottenuto l’esito della valutazione.

    2. Nel caso di una startup innovativa non ancora formalmente costituita, chi è responsabile di presentare la richiesta di agevolazione?

    Nel caso in cui la società non sia ancora stata costituita, la richiesta di agevolazione, firmata digitalmente, deve essere presentata da uno dei futuri soci della società che sarà successivamente costituita.

    3. Esistono requisiti specifici per i soci della società beneficiaria (età, sesso, residenza, disoccupazione, partecipazioni in altre imprese)?

    No, non ci sono particolari requisiti relativi ad età, sesso o residenza dei soci.

    Se hai ancora dubbi, abbiamo redatto un articolo con tutte le domande che potresti porti sul bando. Clicca qui!

    Inoltre abbiamo ampliato il nostro ventaglio, con un altro articolo più specifico, che trovi a questo link!

    Per ogni chiarimento, fissa un appuntamento con noi!

    Le Premialità

    È previsto un punteggio aggiuntivo in fase di valutazione per le iniziative che:

    • attivano collaborazioni con incubatori, acceleratori d’impresa, compresi gli innovation hub e gli organismi di ricerca
    • operano al Centro-Nord e realizzano piani di impresa al Sud
    • dispongono di un accordo di investimento con un investitore qualificato
    • dispongono del rating di legalità.

    E la scadenza?

    Smart e Start Italia è una misura a sportello, le domande sono valutate in base all’ordine cronologico di arrivo e non ci sono graduatorie. Le agevolazioni vengono concesse fino ad esaurimento dei fondi.

    Prima Consulenza Gratuita
    Scopriamo insieme se è il finanziamento ideale per te!
    Contattaci per una prima consulenza gratuita.
    Ti risponderemo entro 15 minuti